“Sin da bambino ero cocciuto e ostinato nel riuscire nelle mie passioni e obiettivi, sempre con la giusta allegria e gioia di vivere. Dalla musica alla mia professione, dalla politica ai miei svariati hobby, non ho mai vissuto nell’ombra. Ho sempre cercato di vivere da protagonista, ottenendo molte soddisfazioni.”

 

La mia famiglia


img_2406

Nato a Monteggio il 19 settembre del 1981, attinente di Sessa, dove la famiglia di mio papà Elia, i Marchesi, è una delle prime insediate molti secoli fa. Sono per metà anche Bleniese, dove mia mamma Ornella, nata Frusetta e patrizia di Prugiasco, mi ha fatto conoscere la stupenda Valle di Blenio, che spesso frequento nei fine settimana nel nostro rustico al Nara. Ho due fratelli, Mirto uno chef stellato Michelin, che mi stupisce sempre con le sue fantastiche pietanze e Lauro, un economista ed esperto in scienze geografiche con la passione per la pesca. Un tris perfetto, un fratello pesca, uno cucina e a me rimane il gradito compito dell’assaggio.

La mia bellissima morosa Claudia, mi completa, mi consiglia e mi asseconda nelle mie varie attività.

 

Le mie passioni


Piero Marchesi rally

Piero Marchesi in montagna

Appassionato di musica, ho studiato tromba dall’età di 9 anni per quasi 20 anni con il maestro Marco Piazzini. Prima nella scuola di musica della Società del Paese, la “Concordia Sessa – Monteggio”, in seguito con i corsi della Federazione Bandistica, per poi frequentare per un paio d’anni i corsi del Professor Emilio Soana alla Scuola Musica Moderna di Lugano (SMUM). Ho suonato in diversi gruppi, dalla Concordia alla Banda di Canobbio. Dalla “Banda estiva del Bellinzonese” alla “Desamper Big Band”. In ambito sportivo, oltre a frequentare vari sport stagionali quali lo sci, il ciclismo e le escursioni in montagna, ho praticato per diversi anni lo sport automobilistico. Dopo gli esordi con il kart, sono passato agli slalom e corse in salita, per continuare con i rallyes. Molto divertimento e sacrifici mi hanno permesso di togliermi diverse belle soddisfazioni, vincendo il titolo di “Campione Ticinese di Slalom” nel 2001 e di conquistare il “2° posto nello Swiss Peugeot Rally Cup” nel 2005. Una passione che è rimasta e che coltivo solo in un’occasione all’anno, partecipando al Rally del Ticino, la gara di casa.

Nel tempo libero, oltre alla politica sono attivo in alcune associazioni, società e fondazioni legate alla mia regione. Prima di andare a letto, spesso mi affido alla lettura di qualche pagina di un libro che è sempre presente sul mio comodino.

Se dovessi scegliere un titolo di canzone che riassume il mio modo d’essere, scarterei il buon Ligabue con “Una vita da mediano” per far posto a Vasco con “Una vita spericolata”… ma non troppo.

 

Il mio lavoro


logo_spinelli_2015

Lavoro presso la ditta Spinelli SA di Massagno, in qualità di Quadro dirigente. Mi occupo di acquisizione commesse e relazioni commerciali, della direzione di una Business Unit e della gestione di progetti strategici. Una sfida entusiasmante che ho avuto la possibilità di iniziare nel 2007, a soli 26 anni, grazie all’azienda Spinelli, la quale mi ha dato molta fiducia.

Dopo aver terminato le scuole dell’obbligo, ho iniziato il tirocinio quale Installatore elettricista, ottenendo l’attestato Federale di Capacità (miglior apprendista ticinese in conoscenze professionali). Parallelamente all’attività lavorativa ho continuato gli studi ottenendo diversi diplomi federali: Telematico capo progetto, Consulente in sicurezza elettrica, Capo progetto elettrico, per terminare con il diploma superiore di Installatore elettricista (Maestria) conseguito nel 2013. Nel 2018, con grande soddisfazione, ho ottenuto l’Executive Master of Business Administration (EMBA), una formazione che mi ha permesso di ampliare le mie conoscenze da mettere a frutto in ambito personale, professionale e politico.

 

Società civile


Sono attivo in diverse associazioni e mi impegno molto per la mia regione, il Malcantone. Sono Vice presidente della Fondazione Malcantone che si occupa di promozione turistica e culturale e membro del CdA di Monte Lema SA, la società che gestisce le strutture sulla vetta. Il mio lavoro di diploma dell’EMBA si è basato proprio sull’elaborazione di una strategia di rilancio del Monte Lema, una montagna al quale sono particolarmente affezionato.